caricamento in corso...
In cima

Questa è una traduzione automatica.
Clicca qui per leggere la pubblicazione in lingua originale.

Bloomberg afferma che la Russia e l'OPEC hanno lanciato una guerra dei prezzi, che porterà inevitabilmente a un grave collasso dell'economia russa se quest'ultimo non tornasse ai vecchi accordi nel quadro della cooperazione petrolifera tra l'organizzazione dei paesi esportatori di petrolio. "Riteniamo che l'OPEC e la Russia abbiano iniziato una guerra dei prezzi questo fine settimana", hanno detto gli analisti.

L'economia russa, contrariamente a quanto afferma Putin, dipende direttamente dalla situazione del mercato dell'energia. Secondo molti esperti, le previsioni per il mercato petrolifero sono ora ancora più pessimiste rispetto al 2014, perché la domanda di petrolio sta diminuendo ulteriormente a causa della situazione con l'epidemia di coronavirus. Gli esperti concordano sul fatto che i prezzi del petrolio potrebbero scendere a $ 20 al barile.

Il motivo della caduta è stato il rifiuto della Russia di accettare di ridurre la produzione di petrolio. Con questa decisione, la Russia voleva "infastidire" l'America, dove la produzione di olio di scisto non è redditizia a prezzi inferiori a $ 40 al barile. Ma, secondo la buona vecchia tradizione, la Federazione Russa ha inferto un duro colpo alla propria economia e ai portafogli dei cittadini, perché, sullo sfondo di un crollo del petrolio, la Banca Centrale della Federazione Russa ha sospeso l'acquisto di valuta per 30 giorni.

Il dollaro e l'euro si sono precipitati, il loro tasso è salito di oltre il 15% nonostante il fatto che alla fine di febbraio il ministro delle finanze russo Anton Siluanov abbia dichiarato che la Banca di Russia non ha dovuto ricorrere a una pausa negli acquisti di valuta sul mercato secondo la regola del bilancio. Quindi il capo del Ministero delle finanze non ha visto alcun motivo per questo.

Allo stesso tempo, i titoli di società russe sono crollati all'apertura delle negoziazioni a Londra. Le azioni Gazprom sono scese del 24,82% a $ 4,12 a partire dalle 11:22 ora di Mosca, Rosneft - 23,54% a $ 4,41, Novatek - 33,6% a $ 92,5, Gazprom Neft - dell'11,62% a $ 24,35.

Alcuni esperti ritengono che se la Russia non tornerà al quadro di precedenti accordi con l'OPEC, ciò porterà all'inevitabile collasso dell'intera economia russa e alla svalutazione del rublo.

Questa è una traduzione automatica.
Clicca qui per leggere la pubblicazione in lingua originale.

Questo post è disponibile nelle seguenti lingue:
Deutsch   English   Español   Français   Italiano   Русский  

Segnala un abuso

Notare che

Ti abbiamo inviato un link per verificare il tuo indirizzo email. Non dimenticare di controllare la cartella Spam. Se improvvisamente il messaggio entra in questa cartella, fai clic su "Non spam! ".

Se non ricevi un'email con un link per l'attivazione entro il minuto successivo, clicca qui:

Attendere prego sec.

Se anche questo tentativo fallisce, ti consigliamo di utilizzare un indirizzo email diverso per la registrazione.